5  gennaio 2020
Dopo l’ottava del Natale

Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito Santo. Dentro la nostra Galilea, dentro la nostra storia, dentro la nostra vita, dentro questa nostra realtà piccola, quotidiana, problematica, silenziosa si fa presente il Signore.

Gesù ci chiede l’umile accoglienza di Dio che parla sempre nella storia di ogni giorno. L’evento di salvezza è sotto la cronaca quotidiana e va interpretato.

Le nostre fatiche, i nostri spostamenti (non solo quelli fisici dovuto all’obbedienza…, ma soprattutto quelli spirituali, cioè le sofferenze, le crisi, le paure, le tensioni, le prove di fede…) non sono solo un semplice frutto del tempo e della vita; dentro di essi Dio sta conducendo la nostra storia a divenire salvifica per noi e per il nostro ambiente, la nostra Nazaret.

p. Luca