23 giugno 2019
Corpus Domini

Comprare… Dare. Due atteggiamenti opposti, due modi diversi di vivere. Comprare, dicono gli apostoli. Ed è la nostra mentalità: se vuoi qualcosa, lo devi comprare. Non c’è nulla di scandaloso, ma neppure nulla di grande in questa nostra logica dove trionfa l’eterna illusione dell’equilibrio del dare e dell’avere. In questo sistema “chiuso”, prigioniero della necessità, Gesù introduce il suo verbo: dare e dice ai discepoli: voi stessi date loro da mangiare. Non già: vendete, scambiate, prestate; ma semplicemente e radicalmente: date. E sul motivo della necessità comincia a spuntare, a sovrapporsi un altro motivo: la gratuità, l’amore senza calcoli, dare senza aspettarsi niente, dare per puro e solo amore.

“Voi stessi date loro da mangiare”. Gesù apre la strada della fraternità! Con quello spezzare i cinque pani per i cinquemila egli ci fa vedere che quanto sembra impossibile a prima vista, è possibile, perché c’è anche la potenza dell’amore del Padre che si serve dei nostri gesti fraterni! Il vero miracolo è qui, nella condivisione, nella compassione, nell’amore. I miracoli li potete compiere anche voi. Solo chi ama e condivide moltiplica il pane. Perché solo l’amore può compiere i miracoli.

p. Luca