Le parole del nostro Arcivescovo MARIO

in vista della ripresa
delle celebrazioni con il popolo il 18 maggio.

Ringrazio il Signore, perché ci ha conservato nella fede in questo periodo. Ringrazio il Signore, perché i preti hanno cercato tutti i modi possibili per mantenere i rapporti con i loro fedeli della comunità. Ringrazio il Signore per quelle famiglie che hanno saputo creare forme nuove di preghiera in famiglia. Ringrazio il Signore per tante cose belle che pure sotto la pressione delle restrizioni, delle paure, delle prudenze, delle normative, abbiamo affrontato. Sotto la restrizione però abbiamo fatto tanto bene e adesso dobbiamo riprendere così come gente che sta facendo un percorso di riabilitazione e che vive questo coralmente. Nella parola che ho già più volte ripetuto, gareggiate nello stimarvi a vicenda, c’è lo spirito con cui voglio che viviamo anche questo tempo che viene.

Coraggio, auguri, attenzione. Il Signore cammina con noi. Siamo nel Cenacolo, ci prepariamo alla Pentecoste.

17  maggio 2020
Sesta Domenica di Pasqua

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi.
Quando Gesù rivolge ai suoi discepoli queste parole, egli sottolinea che in quel momento è ancora fra loro. Ma non per lungo tempo. Con i suoi discepoli Gesù è stato felice, e così i discepoli con lui: affetto, fiducia, intimità, condivisione, ascolto della sua Parola… Nulla è mancato per una vera amicizia e un fraterno affetto. Resterà loro la Sua Parola che, ascoltata e accolta, farà meraviglie, poiché avrà la potenza di restituire loro in ogni istante il Signore Gesù; in un modo nuovo ma non meno efficace di quando camminava con loro sulle strade della Galilea. A loro Gesù chiede solo di continuare ad amarlo e osservare la sua Parola. Chiede una fedeltà non formale o di circostanza, ma una fedeltà di affetto profondo. Il bene seminato da Gesù ora deve portare frutto nel cuore e nella vita generando sentimenti e azioni che siano la trasparente conferma che Lui sarà sempre con noi.

p. Luca

Il 18 maggio riprendono
le celebrazioni con il popolo.

Due atteggiamenti
saranno fondamentali:

PRUDENZA E OBBEDIENZA

SS. Messe nei giorni feriali (ore 8:00 e 18:00 in chiesa grande)

In chiesa occupare il POSTO INDICATO SUL BANCO o nelle SEDIE che non dovranno essere spostate.

Nei giorni feriali, a nessuno è permesso salire negli spazi a fianco dell’altare.

Per la comunione ascolterete le modalità che verranno indicate

SS. Messe nei giorni festivi (Sabato ore 18:00; Domenica ore 8:30 – 10:00 – 11:30 – 18:00)

SARÀ IMPORTANTE RISPETTARE LE INDICAZIONI CHE RICEVERETE DAGLI ADDETTI ALL’ACCOGLIENZA

In chiesa si occuperà il POSTO INDICATO SUL BANCO o sulle SEDIE, anche ai lati dell’altare, che non dovranno
essere spostate.

Per la comunione ascolterete le modalità che verranno indicate